Come Impastare il Calcestruzzo

Il calcestruzzo è l’impasto tipico delle fondazione e delle strutture di sostegno, in modo che possa essere rinforzato adeguatamente anche con l’impegno di tondini di ferro o di acciaio da disporre secondo calcoli tecnici che è preferibile affidare a professionisti, a meno che non si tratti di lavori non troppo impegnativi.

Il calcestruzzo si prepara utilizzando, oltre alla sabbia, anche un altro inerte: la ghiaia. Nella preparazione di un calcestruzzo normale, generalmente armato, si rispettano di solito le seguenti porzioni tra cemento, sabbia, ghiaia e acqua: 1-2-4-1. Si provvede anzitutto a mescolare sabbia e ghiaia, facendo attenzione che siano ben asciutte, in modo da non rischiare la formazione di grumi.

Si aggiunge quindi il cemento e si forma un impasto asciutto e omogeneo. L’acqua va aggiunta a piccole dosi, e bisogna quindi impastare sino a ricavare un composto adeguatamente consistente e lavorabile. Visto che quasi sempre l’impasto per calcestruzzo si utilizza in quantità abbastanza considerevoli, è preferibile servirsi di una betoniera o almeno lavorare l’impasto a terra formando il tipico cratere lavorabile con un badile.

L’indurimento del calcestruzzo non è rapido, e perciò si può operare senza eccessiva fretta. Per quanto concerne la preparazione del cosiddetto magrone, adatto per lavori senza funzioni statiche, si applica di solito il seguente rapporto tra i vari componenti: 1 parte di cemento, 3 di sabbia, 5 di ghiaia, circa 1 di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *