Come Comportarsi in Africa Equatoriale

Le popolazioni africane sono molto ospitali e disponibili. E’ facile integrarsi nella loro quotidianità, partecipare a feste e momenti comunitari, nonostante siano afflitte da povertà, lotte tra etnie e dittature. E’ sempre bene conoscere alcuni usi prima di intraprendere un viaggio verso questi meravigliosi Paesi.

Il consumismo e l’esibizione di denaro è offensiva. Un uso comune a tutta l’Africa è il mangiare con le mani. Se sei ad un pranzo, non meravigliarti se il padrone di casa strappa un pezzo di pane, lo intinge nel sugo del tegame, da cui raccoglie un boccone e te lo offre con le mani. Non rifiutare mai il cibo che ti viene offerto.

Chiedi sempre il permesso prima di scattare una foto ad una persona. In Namibia quando incontri qualcuno devi salutare alzando entrambe le mani con i palmi aperti in avanti. Questo gesto vuol dire “pace”. La stretta di mano avviene in tre fasi: stringi la mano (“come stai?”), poi afferra il pollice (“bene e tu?”), infine stringi di nuovo la mano (“anch’io grazie?”). Devi porgere e ricevere qualunque cosa con la mano destra, sorretta dalla sinistra all’altezza dell’avambraccio, facendo una sorta di inchino.

In Kenia, se ti trovi in un ristoro, non schioccare le dita per chiamare il cameriere, ma fai un cenno con la mano e chiamalo steward. In alcuni villaggi in cambio di una ripresa con la telecamera è bene laciare qualcosa in denaro, per contraccambiare la disponibilità. In Mozambico e Zimbabwe quando entri in casa di qualcuno rivolgiti sempre prima al capofamiglia. Nella Repubblica Sudafricana la maggioranza nera è molto povera e la minoranza bianca è ricca, quindi la tensione tra etnie è elevata. Usa sempre tanto buon senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *